Leggermente provate in volto per le ore piccole accumulate la sera prima nelle notti brave di Petrolo, fattoria con vigna dove alloggiavo, ma subito rasserenate dal panorama circostante e dal parcheggio fortuito individuato in pochi secondi, io e la mia amica Vittoria ci dirigiamo verso il ristorante scelto per la sera. 


Siamo a Castelnuovo Berardenga, nel bel mezzo delle colline senesi, nel bel mezzo del nulla, in un piccolo borgo che nonostante dia domicilio a poche anime, conta due ristoranti insigniti della stella Michelin
Ecco uno di questi, l’Asinello, è proprio il ristorante dove siamo dirette. 

Munite di trucco leggero, vestito leggero ma non mente – quella è sempre attenta e preparata ad affrontare una cena fuori dalla norma – attraversiamo il piccolo giardino esterno e ci facciamo condurre al tavolo a noi riservato.

Vialetto, alberi, piante basse e luci soffuse: il patio en plain air dell’Asinello è più che una fiaba, un intreccio di successo tra Toscana e Provenza, un’eleganza in osmosi con la campagna di provincia.

La tavola così come l’atmosfera è candida, minimale, apparecchiata con tovaglia bianca e stoviglie non vistose. 

E la proposta culinaria? Lo chef Senio Venturi è simmetrico in tutto e per tutto al suo ristorante e alla sua cucina: minuziosa, ma scevra da manierismi o vezzi pleonastici.

Irriverente e scapigliata, ma nella più positiva, romantica e forbita accezione.

Da quel poco che ho potuto intuire Senio è uno chef che snobba alla grande l’appellativo stesso di chef: è un cuciniere che vuole far star bene l’ospite prima di qualsiasi altra cosa.

Questo si traduce in una degustazione di 5 portate – 2 sono i menù degustazione tra cui scegliere, da 4 o 5 portate – forzute, con un’anima, un motivo d’esistenza. 

Stuzzichini offerti pt. 1^
Stuzzichini offerti pt. 2^

Sapori risoluti nella batteria di sfizi di benvenuto da gustare nell’ordine di spiegazione: gelatina di anguria, robiola ai 4 formaggi del Piemonte e erba cipollina; uovo di quaglia marinato, ricotta, fagiolini e bottarga; sferificazione di panzanella con gazpacho di peperone; pralina di fegatini di pollo, melone e gruè di cacao

Un parco giochi colorato, interattivo, locale che ingolosisce.

Pane & Burro di Normandia

Sempre radici toscane con il prossimo piatto: Zuppa di funghi e vitello
Il vitello è crudo, ridotto a tartare e farcito di stracciatella di burrata e melanzana. I funghi sono sia interi, appena spadellati, sia in brodo. Il sapore di bosco è intenso ma non invadente, non anestetizza il palato al punto da oscurare le portate successive. 

Zuppa di funghi e vitello – 16,00 euro

Sicuramente più formosa è la quaglia con albicocche e foie gras. Di scuola francese è perfetta sotto ogni punto di vista. Coscia e petto del volatile sono teneri, rosa e lucidati da un fondo che sa di caccia. Il foie gras è il foie gras, non c’è altro da aggiungere. 

Quaglia con albicocche e foie gras – 18,00 euro

La performance si impenna con il primo piatto: ravioli di faraona in umido con zucchine e maggiorana. Uno scrigno di pasta piacevolmente erto sui bordi, abbondantemente farcito di faraona in umido e servito con crema di zucchine, maggiorana e fiori di sambuco essiccati. 

Ravioli di faraona in umido con zucchine e maggiorana – 17,00 euro

Le robuste basi classiche di Senio si evidenziano nel Daino con friggitelli, ribes e senape. Un sunto di tecnica, territorio e sapore. 

Daino, friggitelli, ribes e senape – 26,00 euro

Si finisce romanticamente con la sfera al caffè e biancomangiare ed una deliziosa scatola in latta stracolma di dolcetti da divorare col caffè. 

Sfera al caffè e biancomangiare – 9,00 euro

Una nota di merito va al servizio coordinato dalla moglie di Senio, Elisa Bianchini, che racconta con fiera sincerità le creazioni del marito, proponendo validi pairing con etichette prevalentemente del territorio. 

Ben distaccato da qualsivoglia moda, ancor prima che le distanze diventassero una necessità nell’ondata virulenta, Senio racconta la sua terra, in silenzio, a testa bassa, stupendo anche senza fuochi d’artificio. 

Contatti: 
+390577359279
via Nuova, 6
53019 – Castelnuovo Berardenga (Siena) – Villa a Sesta
asinelloristorante.it
info@asinelloristorante.it

Facebook Comments